HHCP - Numero di grammi - 5 grammi

Che cos'è l'HHC-P?
HHC-P o esaidrocannabiforolo è un cannabinoide di recente scoperta, prodotto in laboratorio. La sua struttura è simile a quella dell'HHC, ma ha una catena alchilica più lunga e arricchita di molecole di carbonio. catena alchilica più lunga e arricchita di molecole di carbonio.
 
Come funziona l'HHC-P?
L'HHC-P come altri cannabinoidi Si lega ai recettori CB1 e CB2 nel nostro sistema endocannabinoide ma, secondo quanto riferito, con con intensità multiple e con una durata d'azione più lunga. Il sistema endocannabinoide regola importanti funzioni corporee, tra cui sonno, umore, appetito, percezione del dolore, risposta immunitaria e memoria. I cannabinoidi, compreso l'HHC-P, agiscono su questo sistema legandosi ai recettori endocannabinoidi. 
 
Quali sono gli effetti dell'HHC-P?
L'HHC-P ha effetti stimolanti ed è altamente psicoattivo. Può anche promuovere il sonno o alleviare l'ansia e lo stress. Gli effetti di solito durano poche decine di minuti, ma ma possono durare per diverse ore. Naturalmente, dipende anche dalla potenza dell'estratto e dalle predisposizioni individuali dell'utilizzatore. Poiché le informazioni sull'HHC-P sono scarse e non sono noti effetti a lungo termine sull'organismo, questo cannabinoide va affrontato con cautela.
 
Offerta HHC-P
Nella nostra offerta troverete un'ampia selezione di schiume da svapo contenenti HHC-P. Naturalmente sono disponibili anche cartucce HHC-P in vari gusti: mango, limone, lampone e altri, tutti contenenti terpeni naturali. Se preferite Fiori HHC-P provate Pineapple express, Northern Lights, Lemon Haze o Purple haze con un distillato HHC-P dal 3 al 15%. Tutti i fiori contengono un massimo dello 0,2% di THC.

Penna per fiori e vape HHC

Cannabinoidi HHC, HHC-O, HHC-P: cosa fanno e come si differenziano?

Sappiamo già che l'esaidrocannabinolo (HHC) fu scoperto per la prima volta dal chimico americano Roger Adams quando aggiunse una molecola di idrogeno al delta 9-THC. L'HHC si trova naturalmente nella pianta di cannabis, ma solo in tracce, quindi attualmente viene prodotto in modo semisintetico, più comunemente tramite idrogenazione di altri cannabinoidi come il CBD. Il processo di idrogenazione migliora la stabilità della molecola e la resistenza alla degradazione termo-ossidativa.